Il progetto FLIER

FLIER - Il futuro dell'arredamento: un curriculum per Designer dedicato all'economia circolare e alla sostenibilità

Il progetto FLIER intende supportare il settore dell’arredamento nell’affrontare con maggior efficienza le sfide e le relative opportunità della green economy e le nuove normative correlate. Per questo motivo, FLIER promuove la transizione del settore verso un’industria più verde e sostenibile attraverso la costruzione di un nuovo profilo professionale dedicato – Circular Furniture Designer curriculum.

 

L’obiettivo del curriculum è quello di preparare i nuovi designer all’implementazione di modelli e progetti sempre più sostenibili; quest’approccio permetterà una conseguente avvicinamento del settore dell’arredamento a concetti come circolarità e sostenibilità.

 

Dopo la convalida di un corso pilota dedicato a questo nuovo profilo ottenuta grazie a studenti e professionisti del settore, il progetto FLIER promuoverà l’avvio di un corso di formazione online dedicato e attività di mobilità transnazionale. Oltre a ciò, il partenariato procederà alla creazione di una piattaforma di e-learning dedicata ed un sito web dove trovare tutte le informazioni relative al progetto ed al corso di formazione.

iscriviti alla newsletter

Resta sempre aggiornato sui nostri servizi, news ed eventi! 

come possiamo aiutarti?

Clicca sul pulsante o manda una mail a info@clusterarredo.com

Partner
Paese

AMBIT Living Spacing Cluster

ambit_Logo.png (1)

Spagna

European Furniture Industries Confederation

EFIC LOGO HD no background (1)

Belgio

Centro Sperimentale del Mobile e dell’Arredamento

CSM_no background (1)

Italia

Cluster Legno Arredo e Sistema Casa FVG

Cluster FVG logo_originale

Italia

Lesarski Grozd Wood Industry Cluster 

LOGO_WIC_CMYK

Slovenia

Atlantic Technological University

ATU-Screen

Irlanda

FLIER Logo

“Finanziato dall’Unione Europea. I punti di vista e le opinioni espresse sono tuttavia esclusivamente quelli degli autori e non riflettono necessariamente quelli dell’Unione Europea o dell’Agenzia esecutiva del Consiglio europeo per l’innovazione e le PMI (EISMEA). Né l’Unione Europea né l’autorità che concede il finanziamento possono essere ritenute responsabili”

Radicati sul territorio ma con una vocazione internazionale.